Depuratore, apprezzamento per l’iniziativa dei consiglieri regionali.

Governo-regionale

I Verdi di Manduria esprimono apprezzamento per l’iniziativa dei Consiglieri regionali dell’area ionica, fattisi promotori di un ordine del giorno, poi votato all’unanimità dal Consiglio, in cui si richiede la modifica del Piano di Tutela delle Acque. Con tale atto, dal valore essenzialmente etico e di indirizzo, si è posto all’attenzione del Consiglio il problema dei depuratori pugliesi che scaricano i reflui in mare. Esso potrebbe rappresentare un primo passo per lo scioglimento della vertenza che riguarda il depuratore di Manduria. Ci auguriamo infatti che ad esso si dia seguito in maniera concreta, dando il via all’iter procedurale che porti ad un atto deliberativo vero e proprio. Come abbiamo sempre sostenuto, al di là dei tecnicismi, la soluzione del problema prende avvio dall’espressione di una volontà politica. Purtroppo, non sempre in passato ordini del giorno moralmente impegnativi, pure votati all’unanimità, hanno avuto un seguito: un esempio fra tutti, la legge cosiddetta “50 e 50”, sulla parità di genere nella rappresentanza in Consiglio regionale.
Verdi Manduria

Clicca qui per leggere l’ordine del giorno: modifica PTA